Spiagge della Basilicata

Basilicata zona ovest

Ad ovest la Basilicata affaccia sul mar Tirreno solo grazie ad una piccola striscia di terra situata fra la Campania e la Calabria che presenta l’unico comune della regione a confinare con le acque: il comune di Maratea, in provincia di Potenza. Maratea è un luogo antico e ricco di storia, con diversi siti di interesse archeologico, un elevato numero di chiese, palazzi storici e monumenti ed è circondata da un paesaggio naturale mozzafiato. Sono presenti diverse spiagge, sia libere che provviste di stabilimenti balneari.

(   Potenza   )

calette-MarateaLe Calette di Maratea sono delle spiagge dalle dimensioni ridotte incastrate fra aspri speroni di roccia e fitta vegetazione che si affacciano sul Golfo di Policastro.

Le calette sono luoghi adatti ai turisti alla ricerca di un contatto più profondo con la natura e agli amanti della tranquillità, essendo un luogo difficilmente raggiungibile.

Qui gli appassionati di subacquea si radunano per ammirare la fauna e la flora marina, aiutati dalla limpidezza delle acque.

Al contrario, la Cala Jannita è una spiaggia molto frequentata. È conosciuta anche come “La spiaggia nera” per via del colore scuro della sabbia.

Alle spalle di Cala Jannita sono presenti delle alture ricoperte da un fitto bosco praticamente incontaminato che è parte integrante del Parco Naturale d’Illicini, raggiungibile tramite un sentiero. I turisti che si recano a Cala Jannita rimangono affascinati dalla bellezza della Grotta della Sciabella.

Fa parte di Castrocucco, una frazione di Maratea, la Cala d’a Gnola. Questa cala, a differenza delle altre elencate nei pressi di Maratea, ha alle sue spalle un terreno pianeggiante. Si affaccia su un mare limpidissimo ed è dotata di stabilimenti balneari con servizi soddisfacenti. La Cala d’a Gnola è un luogo molto ventilato e questa caratteristica la rende la meta ideale nei lunghi periodi di afa estiva, quando l’aria è immobile e rovente.

Sempre in località Castrocucco è presente la Cala della Secca. A nord della Cala d’a Gnola è possibile percorrere un sentiero scavato nella montagna e raggiungere questo posto suggestivo, una piccolissima spiaggia di pietrisco visitata poco frequentemente: è la meta ideale per chi vuole passare del tempo in assoluta tranquillità, lontano dal caos e dal trambusto.

Basilicata zona est

La zona sud-est della Basilicata si affaccia sul mar Ionio ed appartiene alla provincia di Matera. Qui l’ampiezza della costa è di gran lunga maggiore rispetto al versante tirrenico e sono presenti più spiagge sfruttate a livello turistico.

(   Matera   )

lido-metapontoUna delle località balneari lucane più conosciute è senza dubbio Metaponto. Questa cittadina ha origini antichissime, essendo stata fondata nella metà del VII secolo a.C. e diventando un’importante colonia della Magna Grecia.

Sia per la rilevante importanza storica (è presente un Parco Archeologico contenente i resti del tempio di Apollo Licio e dell’agorà), sia per la bellezza del paesaggio e delle spiagge, Metaponto attrae ogni anno migliaia di turisti.

Le sue spiagge dorate, gli stabilimenti balneari, i ristoranti, gli alberghi e naturalmente un mare pulitissimo e cristallino color turchese fanno la gioia dei vacanzieri. Sebbene siano numerosissimi gli stabilimenti, sono presenti anche ampi tratti di spiaggia libera sempre più frequentati.

Un’altra meta lucana rinomata per la bellezza del suo litorale è Policoro. Anche Policoro fu una colonia della Magna Grecia e sorge a poca distanza dalle rovine dell’antica città greca di Eraclea.

L’assolata cittadina di Policoro ospita ampi tratti di spiagge sabbiose ed incontaminate, intervallate di tanto in tanto da boschi e macchia mediterranea. Alcuni tratti sono così poco frequentati e così incontaminati che le tartarughe marine Caretta Caretta depongono le loro uova nella sabbia. I fondali sono bassi e sabbiosi, l’acqua è cristallina.

In particolare, il Bosco di Pantano presso Policoro è un’area protetta del WWF.

Policoro ospita anche degli stabilimenti balneari presso il Lido di Policoro, una zona molto più sfruttata a livello turistico dove è possibile trovare tutti i divertimenti e le consuete attrattive delle località balneari più movimentate.

Scanzano-jonicoUn luogo più tranquillo e riparato è invece la Spiaggia Terzo Cavone presso la località di Scanzano Jonico. Questa spiaggia deve il suo nome a quello del fiume che sfocia nelle immediate vicinanze.

La spiaggia Terzo Cavone è costituita da sabbia fine ed è circondata da pinete che garantiscono un riparo dal sole ai turisti che scelgono questa località per le loro vacanze.

Il mare limpido e pulito ospita numerosi pesci, per cui è possibile trovare nei pressi della costa pescatori locali la cui presenza rende ancor più caratteristico ed autentico il panorama.

 

 

Lascia un commento