Il gotico Duomo di Orvieto

In Umbria troviamo la cattedrale di Santa Maria Assunta conosciuta semplicemente con il nome di “Duomo di Orvieto”, un capolavoro dell’architettura gotica italiana. È un luogo di culto situato a Orvieto in provincia di Terni.

Cenni storici

I lavori per la costruzione del Duomo di Orvieto cominciarono nel 1290 per volere di papa Niccolò IV che voleva poter dare una degna sistemazione al Corporale del miracolo di Bolsena. Però ci vollero secoli prima che il duomo fosse totalmente completato. All’inizio i lavori furono affidati a Bevignate da Perugia, dopo che furono edificate le navate ed il transetto, nei primi anni del Trecento venne chiamato lo scultore e architetto senese Lorenzo Maitani.

Quest’ultimo divenne quindi il capomastro e quello che fece fu di ampliare in forme gotiche l’abside e il transetto, non terminò la facciata ma ne determinò l’aspetto che oggi vediamo. Dopo la morte nel 1330 del Maitani, i lavori del Duomo di Orvieto non erano assolutamente conclusi, e furono tanti diversi capomastri che assunsero la direzione dei lavori, alcuni di loro per periodi brevi.

I lavori per la costruzione del Duomo si susseguirono negli anni.

Nel 1328-1335 venne costruita la tribuna quadrata, nel 1335-1338 fu voltato il transetto, nel 1350-1356 fu costruita la Cappella del Corporale, 1350-1365 la nuova Sacrestia, 1408-1444 la cappella Nuova o di San Brizio (poi affrescata successivamente).

La stessa cosa vale anche per la facciata, ci vollero anni per completarla e soltanto nella seconda metà del 1500 i lavori furono terminati da Ippolito Scalza, lui costruì tre delle quattro guglie che vediamo sulla facciata. È da sottolineare che il Duomo ha ben 5 campane rinascimentali che sono in tonalità di Mi bemolle.

Il Duomo di Orvieto, cosa possiamo vedere

La facciata è divisa in tre settori da quattro contrafforti verticali a fasci e ognuno di questi termina con una magnifica guglia.

Duomo_di_Orvieto

Sulla facciata del Duomo di Orvieto troviamo:

  • I mosaici realizzati da vari autori.
  • Sulla zona inferiore troviamo i bassorilievi che decorano i 4 piloni, splendidi esempi di scultura gotica in Italia che descrivono il destino dell’uomo, dalla Creazione al Giudizio finale.
  • Nella zona superiore spiccano il magnifico rosone di Andrea di Cione detto l’Orcagna (che realizzò anche le due cuspidi laterali) e i magnifici mosaici.
  • Diverse e magnifiche statue in bronzo.

Mentre all’interno vi sono:

  • Il presbiterio
  • La Cappella del Corporale
  • La Cappella di San Brizio
  • Organo a canne
  • E diverse altre opere.

Lascia un commento