La città che muore : ecco Civita di Bagnoregio

Uno spettacolo le casette in pietra e le piazzette assolate, mentre si ammira il panorama sottostante.

Le sue fondamenta di tufo vengono erose nel tempo dall’azione dei due torrenti a valle e dagli altri fenomeni atmosferici.

È collegata al mondo da un ponte sospeso di cemento, costruito nel 1965, che collega a sua volta Bagnoregio a Civita.

Civita di Bagnoregio è uno splendido gioiello, da visitare al più presto.

In questo borgo in provincia di Viterbo, perla del Lazio, può capitare che vi si cammini a fatica se si soffre di vertigini.

Visitata da turisti di tutto il mondo, questo è certamente uno dei luoghi più belli d’Italia.

L’antico borgo etrusco, svettante in un paesaggio da favola, isolato e disabitato, è un’attrazione turistica che funziona. Durante i giorni festivi il ponte può essere attraversato da oltre 10.000 persone, anche se la media è di 600-700 visitatori al giorno.

Square and Church of St. Donato. Civita di BagnoregioUno dei 3 (dicesi tre!) abitanti del borgo, è un nome eccellente, Paolo Crepet, lo psichiatra e sociologo divenuto un volto noto della televisione. La sua casa è l’ex arcivescovado.

Numerosi gli interventi di protezione idrogeologica effettuati negli ultimi anni, per porre un freno al degrado di Civita di Bagnoregio.

Recentemente si sta manifestando in tutta la sua gravità la frana di Mercatello, alle porte del borgo.

Sono necessari studi geologico-tecnici, idrogeologici, geomorfologici, pedologici, vegetazionali, sul colle di Civita, per preparare opere di bonifica allo scopo di rallentare i rapidi processi geodinamici in atto, fra cui il problema del deflusso dell’acqua nei riguardi della stabilità geomeccanica.

Con particolare riguardo alle acque pluviali e alle fognature, che interessano sia la placca rigida che le argille plastiche.

A Civita è presente anche un “Museo Geologico e delle frane” che denota come, attorno all’area che la natura ha costruito e modellato, al tempo stesso in modo fascinoso e tragico, si sviluppino centri di studio e convegni sull’argomento.

View of the old town of Bagnoregio before sunriseRimane il fatto che il picco della collina di Bagnoregio è un luogo un fuori dal tempo.

Immerso in uno scenario fiabesco con angoli di un paradiso da sempre in lotta con la sorte avversa, che l’ha condannata da tempo ad una lenta e incessante erosione.

 

Lascia un commento