Dolce vivere in Salento

Nota come una delle zone più suggestive di tutto il Sud Italia, il Salento rappresenta, a livello paesaggistico, uno dei luoghi più apprezzati dai turisti.

I paesi circostanti sono nuclei abitativi tranquilli e dal clima mite. La vegetazione è costituita prevalentemente da ulivi e specie di origine mediterranea.

Presupposti che hanno permesso al Salento di distinguersi tra i paesaggi della Puglia.

Oltre ai caratteristici edifici in pietra della tradizione salentina appartenuti ai contadini di ere passate per riposarvisi dopo estenuanti fatiche di lavoro.

Presenti migliaia di specie floreali che un’estate risaltano toni e sapoti, dai mandorli, ai papaveri e i celebri ulivi secolari. Tutti protagonisti principali di questa terra.

Cultura e tradizione si fondono a partire dall’epoca dei Messapi, popolazione a cui si deve la fondazione dei primi gruppi sociali del luogo.

La particolare piacevolezza di una vacanza turistica in territorio Salentino è anche dovuta alla presenza di un folklore, di influenze linguistiche ed architettoniche uniche, che la rendono un luogo a sé rispetto ai territori della regione pugliese.

Influenze dialettali ispirate parzialmente alla lingua siciliana per arrivare a tradizioni artistiche che spaziano dal barocco alle influenze puramente greche.

Il Salento presenta inoltre ottimi piatti tipici che lo distinguono dal resto del Meridione.

Vini, menu a base di carne e pesce. E la tradizione pasticcera, che contempla paste di mandorle, spumoni e le celebri ciambelle frise.

Decine le attrazioni naturali, tra cui oasi, parchi e riserve naturali situati su isole e luoghi remoti del territorio circostante.

Tra queste il Parco di Porto Selvaggio, uno fra i principali motivi per cui considerare una vacanza in Salento.

Una culla di piacere insospettato per il turista particolarmente affezionato al connubio cultura e svago.

 

Lascia un commento