Val Camonica

Tante volte avrete sentito nominare la Val Camonica, per motivi naturalistici, vacanzieri ma anche storici. Ma vale la pena conoscerla ancora più a fondo.

Questa valle, situata nella parte Est della Lombardia, è una delle più estese delle Alpi centrali, dato che si adagia tra le province di Brescia e Bergamo.

Dagli abitanti del posto viene definita anzitutto “territorio di racconti”. Sì, perchè da migliaia di anni le popolazioni hanno abitato o percorso questa meraviglia della natura, lasciando segni tangibili della propria presenza o del semplice passaggio.

L’origine del nome viene fatto risalire all’antico nome con cui venivano chiamate le popolazioni qui presenti, ovvero “i Camuni”, che abitavano la zona nell’età del Ferro.

Ecco perchè la Valle è famosa per le incisioni rupestri – circa 250 mila! – dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Unesco, che la rendono una delle più grandi collezioni mondiali di petroglifi del mondo, con ben otto parchi tematici dedicati.

Racchiusa tra i monti dell’Adamello a Oriente e dalle Alpi Orobiche ad Occidente, la Valcamonica è circondata da molte vallate laterali: su tutte, la Val di Corteno, la Val Paisco e la Valle di Saviore.

Il territorio si divide in tre macro-settori principali: la Bassa Valcamonica, pianeggiante e ricca di prati e campi, la Media Valcamonica, che va da Breno a Sonico-Edolo, e l’Alta Valcamonica, che segue sostanzialmente la linea Insubrica dalla Val di Corteno fino al comune di Ponte di Legno.

La Val Camonica è attraversata dal quinto fiume più lungo d’Italia: si tratta del fiume Oglio.

Nasce a Ponte di Legno e sfocia nel Lago d’Iseo.

Numerosi sono anche i torrenti che scendono dai monti, per uno spettacolo più unico che raro.

La Valcamonica fa rima principalmente con natura, e quindi anche con sport. Molto gettonate sono le passeggiate e le escursioni sulle rive del Lago d’Iseo, ma facendo un piccolo ‘allungo’ ci si può recare anche nel vicino Lago di Garda.

Inoltre, nella Valle sono presenti importanti Ski aree, la Ciclovia del Fiume Oglio e numerosi percorsi dedicati alle mountain bike, in un paesaggio variegato, dal ghiacciaio al lago, caratterizzato dal 55% di superficie protetta.

Nel periodo invernale potrete usufruire dei numerosi impianti sciistici situati a Ponte di Legno, Borno e Montecampione.

Importante è anche la parte culturale e architettonica, come i reperti archeologici di epoca romana presso il borgo di Cividate Camuno e le diverse chiese romaniche e rinascimentali dove è possibile ammirare splendidi affreschi.

La Valcamonica è anche una terra ricca di Storia, quella con la S maiuscola. Venezia e Milano, che già ne compresero il mix tra potenzialità e bellezza, si contesero intensamente questo territorio nel XV secolo.

Inoltre, nel 1915, la Valcamonica divenne teatro della Prima Guerra Mondiale, combattuta sulla linea di confine posta sull’Adamello.